L' Istituto di Cultura

Submitted by admin on Fri, 2007-06-29 17:10.

undefined: undefinedundefined: undefined La Fondazione San Michele fu istituita il 16 giugno 1950, con lo scopo di amministrare la proprietà donata da Axel Munthe allo stato svedese, organizzare la creazione di alloggi per i borsisti e favorire gli scambi culturali tra Svezia e Italia. Il 16 novembre 1948 Axel Munthe dettò il suo testamento definitivo. Già nella primavera del 1949, alcuni mesi dopo la scomparsa di Axel Munthe , l’architetto Jan Wallinder fu mandato a Capri per ispezionare la proprietà. L’estate di quello stesso anno arrivò Josef Oliv, designato primo sovrintendente da Axel Munthe. Gli sforzi congiunti del principe ereditario Gustavo Adolfo e del professore Axel Boëthius convinsero il governo ad accettare la donazione, nonostante la sua preoccupazione per le conseguenze economiche dato lo stato di decadenza in cui versava la proprietà. Per il promotore dell’Istituto Svedese di Roma (1925), il principe ereditario Gustavo Adolfo, e per il suo primo direttore, il professore Axel Boëthius (1926), era naturale che l’amministrazione che gestiva l’Istituto Svedese di Roma si occupasse della Fondazione San Michele. La Fondazione svolge la propria attività essenzialmente con i propri proventi.

(dall’articolo di presentazione Villa San Michele - Un’istituzione culturale svedese nel Mediterraneo, la Fondazio San Michele, Peter Cottino, 2005)